Skin Keeps the World Out. And You In.

La pelle è la parte più esposta del nostro corpo, ed anche il nostro organo più esteso. Il tessuto cutaneo è incredibilmente complesso…

Disegno Copertina:  Justine Renno 
Versione italiana dell'articolo pubblicato sul numero di Novembre di The Florentine , che potete trovare qui
Article Cover drawing:  Justine Renno 
The original version has been published on The Florentine's November Issue. You can find the english article here

La pelle è la parte più esposta del nostro corpo, ed anche il nostro organo più esteso. Il tessuto cutaneo è incredibilmente complesso, composto da tre strati principali (epidermide, derma e ipoderma); più di cinque tipi cellulari, numerose ghiandole e recettori sensoriali.
Eppure, nonostante la notevole estensione (circa 2mq nell’uomo), la sua importanza è decisamente sottovalutata.

La pelle è la nostra protezione contro il mondo esterno. La sua funzione è essenziale: protegge i nostri organi interni dai patogeni, microbi, infezioni e raggi solari presenti nell’atmosfera, mantenendo al contempo l’omeostasi (stabilità relativa delle condizioni fisico-chimiche dei nostri organi interni).

Tuttavia, nonostante la sua importanza, in molti considerano la pelle un semplice rivestimento. La domanda che mi viene posta più spesso come over40 beauty blogger, infatti, non è:”Come posso proteggere la pelle in maniera tale da salvaguardare le sue funzioni?”, ma:”Come faccio a non farmi venire le rughe?”. Senza rendersi conto che in realtà le due questioni hanno la stessa origine e la stessa soluzione. Non è infatti possibile combattere le rughe se non si protegge, si nutre e si aiuta la nostra pelle a preservarsi.
Ed in questo articolo vi dico come fare.

Come Combattere le Rughe

Le rughe fanno la loro comparsa quando i processi biologici propri dell’invecchiamento cellulare colpiscono i suoi tre strati principali: lo strato esterno corneo è colpito dalla disidratazione, lo strato basale soffre per la riduzione di proliferazione delle cellule staminali, e il derma, più in profondità è affetto dalla riduzione di collagene ed elastina.

E’ ovvio (almeno per me) che affrontare solo uno di questi tre processi non risolve il problema dell’invecchiamento cutaneo, e che una skincare che abbia una qualche efficacia debba prendere in considerazione tutte le tre cause elencate.
La disidratazione, altrimenti nota come perdita di acqua dalla pelle, è prevenuta dalla presenza di uno strato esterno stratificato di cellule squamose, chiamata epidermide. Queste cellule (i cheratinociti) sono connesse le une alle altre da giunzioni cellulari che hanno il doppio ruolo di trattenere l’acqua all’interno, e i patogeni all’esterno.
Queste cellule, però, non sono fatte per rimanere lì in eterno: esse sono perse (attraverso l’esfoliazione) e rimpiazzate continuamente da altri cheratinociti generati dalla divisione di cellule staminali dello strato basale dell’epidermide.
Questo processo però non è istantaneo, e bisogna tener conto dei tempi richiesti da entrambi i processi (divisione delle cellule staminali e migrazione dei cheratinociti prodotti verso gli strati superficiali dell’epidermide) per programmare i vari step della skincare (specialmente del peeling e esfoliazione, dei quali vi parlerò in un altro articolo).
Con l’invecchiamento questo riciclo dei cheratinociti persi per esfoliazione con nuovi è meno efficiente. Per questo motivo lo strato corneo diventa sempre più sottile, e le sue cellule non riescono più a trattenere l’acqua in maniera efficace.
L’invecchiamento cutaneo può quindi essere rallentato/prevenuto in almeno due steps: 1) idratando la pelle “dall’interno”; 2) accellerando o comunque favorendo la sostituzione dei cheratinociti persi.
Seppur una maggiore integrazione di acqua attraverso bibite (non zuccherate) ed una dieta ricca di frutta e verdure indubbiamente aiuta a mantenere la pelle idratata, una skincare giornaliera mirata può fare miracoli.

Acido Ialuronico

Una delle molecole conosciute più efficienti contro la disidratazione (ed al momento anche una delle più usate nei cosmetici in commercio) è l’acido ialuronico (HA). Questa enorme molecola agisce come una spugna, trattenendo l’acqua nei suoi buchi strutturali (grazie alla presenza di gruppi carbossilici ionizzati e fortemente idrofili), idratando così i tessuti. L’utilizzo di creme contenenti acido ialuronico sicuramente ha i suoi benefici, ma proprio per la sua taglia notevole, non entrerà negli strati (pur superficiali) della pelle a meno che non sia frammentata.
Utilizzando una particolare tecnica di microscopia (Raman microscopy), un team scientifico dell’Università di Reims ha dimostrato che la penetrazione dell’HA è inversamente proporzionale alla grandezza di quest’ultimo. L’acico ialuronico a basso peso molecolare (compreso tra 20 e 300kDa – kilo Dalton) riesce ad attraversare lo strato corneo arrivando quindi agli strati più interni dell’epidermide, mentre quello ad alto peso molecolare (compreso tra 1000-1400kDa – anche noto come Sodio Ialuronato) rimarrà alla superficie dello strato corneo, servendo tutt’al più come umettante (trovate l’articolo scientifico, in inglese, qui).
Questo è il motivo per cui, se proprio volete introdurre l’acido ialuronico nella vostra skincare quotidiana (e dovreste), considerate un prodotto che abbia acido ialuronico a basso peso molecolare al suo interno, come l’Acido Ialuronico Puro dell’azienda cosmetica toscana Dr. Taffi Cosmetica.
Esso contiene acido ialuronico puro di triplo peso molecolare, per assicurare un’efficiente penetrazione negli strati dell’epidermide.

Cellule staminali

Proseguendo nell’elenco degli ingredienti importanti per la nostra lotta alle rughe, non posso non citare gli estratti di cellule staminali vegetali. Lo spessore dello strato esterno della pelle diminuisce per uno squilibrio tra l’esfoliazione naturale dello strato corneo, e la produzione di nuove cellule.
Le cellule staminali (ovvero cellule che non hanno perso il potenziale di produrre nuove cellule attraverso mitosi/divisione cellulare) producono i cheratinociti nello strato proliferativo basale dell’epidermide. In seguito alla divisione, i nuovi cheratinociti migrano verso gli strati superficiali dell’epidermide, differenziando allo stesso tempo. Tutto il processo, dalla produzione al raggiungimento degli strati superficiali, prende fino ad un mese di tempo.
Con l’età il numero di cellule staminali che proliferano diminuisce, e si allunga il tempo di mitosi, mentre l’esfoliazione degli strati esterni continua ad avvenire normalmente. La diretta conseguenza l’assottigliamento dello strato esterno dell’epidermide, con conseguente disidratazione.
Un modo per contrastare questo assottigliamento naturale è nutrire le cellule staminali dell’epidermide con fattori di crescita che sono normalmente prodotti e secreti dalle stesse cellule staminali. Due di essi, EGF (fattore di crescita dell’epidermide) e IGF (fattore di crescita insulinico) una volta prodotti si legano a recettori specifici presenti sulla membrana cellulare delle cellule staminali (in modo autocrino o paracrino, ovvero a recettori specifici della stessa cellula che li produce, o di cellule vicine) e stimolando la loro proliferazione.

Credits to:
www.munstermann.it

In modo simile, la presenza di estratti di cellule staminali (e fate attenzione: estratti e non cellule staminali stesse, che in ambienti quali creme non sopravviverebbero!) stimolerebbe la produzione di cheratinociti da parte delle nostre cellule staminali della pelle, contrastando l’assottigliamento dello strato esterno della pelle.
Per questo motivo la nostra skincare quotidiana dovrebbe sempre includere un prodotto con estratti di cellule staminali, come la crema giorno con estratti di cellule staminali di mela prodotta dalla Antica Farmacia Munstermann in Firenze, le cui ricette centenarie sono ancora moderne ed efficienti.

Collagene ed Elastina

La terza sostanza “miracolosa” è l’acido ascorbico, conosciuto ai più come Vitamina C, e di seguito vi spiego il perché.
Lo strato epidermico giace su di uno strato più profondo, chiamato derma, che consiste di tessuto connettivo il cui spazio extracellulare è riempito da proteine della matrice quali collagene ed elastina (tra le altre). Queste due sostanze sono praticamente i pilastri della nostra cute, e la loro riduzione causa l’insorgere delle rughe, esattamente come un pavimento che collassa in assenza dei pilastri che lo reggono.
Collagene ed elastina sono abbondanti in giovane età, ma con il tempo la loro concentrazione nella matrice extracellulare diminuisce, sia per una riduzione nella loro produzione, sia per un aumento della loro degradazione dovuto all’azione (e concentrazione maggiore) di enzimi specifici (come le MMP: matrix metalloproteases).
La Vitamina C ha un doppio ruolo sul collagene: 1) stabilizza la sua struttura terziaria agendo come cofattore delle idrossilasi della prolina e della lisina; 2) stimola la produzione dell’RNA messaggero del collagene, aumentandone così la sintesi (la sequenza proteica del collagene viene tradotta dall’RNA messaggero).
Se vi interessa l’articolo originale (in inglese) a riguardo, potrete trovare una review completa qui .

Per questo motivo, mai escludere la vitamina C dalla vostra dieta, e soprattutto, trovate posto per un prodotto da inserire nella vostra skincare che contenga alte concentrazioni di Vitamina C, come il Powerful-Strength Line-Reducing Concentrate di Kiehl’s, con un contenuto di Vitamina C >12%, che illumina l’incarnato e riduce visibilmente le rughe.





Tutto in uno

Avete già una serie di prodotti che volete finire anche se non siete sicure della loro efficacia e non volete comprarne altri?
Va benissimo. Ma almeno aggiungete alla vostra crema da giorno o da notte poche gocce di Intensive Multi Active Booster (di Eterea Cosmesi) .
Questo prodotto straordinariamente efficiente e completo combatte le rughe e l’invecchiamento cutaneo con un approccio multiplo. Intensive Multi Active Booster contiene infatti estratti di cellule staminali di vite, che insieme ad Acido Ialuronico, Vitamina C, estratti di soia, Maqui, ed estratti biologici di Melissa, Tiglio, Moringa, Ginseng e linfa di Vite agiscono sulla vostra pelle come un potentissimo anti-età, diminuendo le rughe ed aumentando la tonicità e luminosità della vostra cute.

With Love
Mapie

%d bloggers like this: