Acqua di Bolgheri, Scirocco: Memories Behind the Favourite Perfume Choice

If only there could be an invention that bottled up a memory, like scent. And it never faded, and it never got stale.

The act of smelling something, anything, is remarkably like the act of thinking. Immediately at the moment of perception, you can feel the mind going to work, sending the odor around from place to place, setting off complex repertories through the brain, polling one center after another for signs of recognition, for old memories and old connection.
Lewis Thomas
American Physician and Author

Did you ever wonder why we frequently tend to choose the same perfume, or, at least, why we stick on the same fragrance?
In the process of deciding a perfume for myself, in example, I have no doubts: my perfumes all have a sweet dominant fragrance, very often vanilla based, chocolate or coconut. And I never change.
Moreover, I never buy a perfume that has white musk, in example.
I tried many times to go for a different fragrance, but I just can’t force myself. My reaction is like: “No, thanks“.
The reason why we adopt this behaviour, when we make a perfume choice is purely rational, eventhough we dont realize it immediately.
To be more precise, it is “rationally irrational“.
Indeed, odors are powerful stimuli that can evoke emotional states, as a result of a process called odor-emotional memory.

But let’s start from the beginnning. What are odors? And how many of them can be distinguished by our olfactive system?

One, Hundred, or Thousand Odors?

Odors are composed by many molecules in gaseous form that are captured by our olfactive organ: the nose.

Every single odor that arrives to our nose is composed by many molecules, which are first dissolved in the nasal mucosa, and then transported to the odor receptor site, where they are recognized and bound.
Just to let you understand the combination possibilities between odors and receptors, take in consideration that humans have 400 kinds of odor receptors genes (if you think this is a big number, take in account that mice have around 1000 of them), with countless combinations between odors and receptors.
This feature allows the identification of differences between hundreds of thousand of components.

Perfume Choice: A Journey through the Emotional Brain

If only there could be an invention that bottled up a memory, like scent. And it never faded, and it never got stale. And then, when one wanted it, the bottle could be uncorked, and it would be like living the moment all over again.
Daphne du Maurier

Credits to: Pinterest

The binding between odor molecules and receptors is sensed by the brain thanks to an electric reaction that travels through the olfactory nerve.
Unlike the other sensory systems, the sense of smell does not pass through the thalamus (the relay station of sensory signals to the cortex), but it is sent directly to the limbic system, a brain region typically associated with memory and emotional processes.
Here the cold chemistry is transformed in the most romantic journey through our memories. This area is indeed the brain region involved in motivation, emotion, learning, and memory, where all the informations coming from the outside world are converted in feelings.
But this is not the last stop of this fascinating travel, since the signal reaches other regions of the brain, in particular the frontal cortex, the site where the dreams litterally take shape, while we are locked-up with our nose on the perfume bottle, our eyes closed and our memories popping up in our brain.
This recalling of memories driven by odors is also known as the “Proust phenomenon” from the literary anecdote where Marcel Proust took a bite of madeleine biscuit that had been dipped in Linden tea and was suddenly transported to a long forgotten moment in his childhood, and occurs when an odor triggers the recollection of a meaningful past personal episode.

Everytime we smell a perfume, we are litterally slinged to an episode from our childhood (even if we dont remember that actively). And we choose that perfume if the episode recalls happy moments to us.

Acqua di Bolgheri: Scent of Tuscany

I cipressi che a Bólgheri alti e schietti
Van da San Guido in duplice filar,
Quasi in corsa giganti giovinetti
Mi balzarono incontro e mi guardâr.
Giosuè Carducci – Rime nuove (1906)
Libro V – Davanti san Guido

Surrounded by the green hills of the Maremma Toscana, at the end of an amazing street flanked by cypresses that run one after the other like in an endless snake, appears the small village of Bolgheri, once a Conti della Gherardesca estate.

Famous for the red wines that are produced in the Bolgheri area (who doesn’t know the Sassicaia from Tenuta San Guido, btw), this typical village is the main inspirational source for the perfumes brand done following Dr. Enio Taffi values and vision: Acqua di Bolgheri.

The perfume collections of this “hidden treasure” in Tuscany are made with local ingredients, first of all the tuscanian olive oil, and every product tries to capture the fragrances and feelings by the surrounding landscapes, translating them in a sensations jubilation, well described by the Acqua di Bolgheri motto:


Elegance. Passion. Sensuality. Love. Respect.

Scirocco: A Fusion Between Middle East and Tuscany

In this panoramic context, and with such prosperity of excellent raw materials, it was basically unavoidable the birth of a perfumes collection with a strong evocative power.
In the Acqua di Bolgheri perfumes everything takes inspiration from the natural elements, as the tryptich of winds skimming the tuscanian coasts: Libeccio, Maestrale and Scirocco, thus taking their names, along with the fragrances that those winds carry from far away.

Carried by the southern wind named in arabic shurhùq, first arrive the olfactive notes of almonds and bergamot stolen from Sicily and Calabria coasts.
They touch lightly the coasts of Tuscany, merging with the white jasmine and magnolia petals.
However, this is just the beautiful prelude to the oriental mood given by the base notes of amber, cedarwood, and sandalwood, enhanced by the vanilla fragrance.
All together, oriental spices and tuscanian flowers give life to a perfume with both sweet and spicy notes: Scirocco.

And was exactly while smelling this mixture that I was brought back to my childhood, when I was used to travel with my parents in Sicily. This was my Proust Phenomenon that caught me and kept me trapped, closed eyes, dreaming about those moments.
Wearing this perfume is like bringing that mood back in my heart and my mind. Everytime I smell it.
That is why I simply love it.


Mapie

Acqua di Bolgheri: Scirocco. Una scelta dettata dai ricordi

Se solo ci fosse un’invenzione che possa mettere in bottiglia un ricordo, come fosse un profumo. Che non svanisca mai, e che non possa mai evaporare. E, quando uno lo volesse, che si possa stappare la bottiglia, e rivivere quel momento ancora una volta”

Daphne Du Maurier

E’ inutile che ce la raccontiamo. Per una donna, la scelta del profumo è un fatto serio. E’ cosa nota, infatti che le donne considerino il profumo alla stregua di un abito che dovrebbe vestire perfettamente, ed altrettanto fedelmente dovrebbe raccontare della donna che lo indossa alle persone che si incontrano quotidianamente, o per un’occasione, come un party.
Io però vorrei che tutte voi (e anche i maschietti che si avventurino in queste pagine) riflettiate su di una cosa. Avete mai pensato cosa vi fa attrarre da un preciso odore, o fragranza, mentre decisamente siete allontanate da altre?
In altre parole, cosa vi fa dire:” Oh si, amo questo profumo!“, invece di:”No grazie, questo non fa per me!“?

Uno, cento o mille odori?

E’ cosa nota che gli odori sono catturati dal nostro naso, che è poi l’organo olfattivo del nostro corpo. Ma non altrettanto note sono le conseguenze dell’azione, voluta o non, di percepire gli odori.

Una volta entrati nelle nostre cavità nasali, gli odori sono legati da proteine specifiche che li riconoscono: i recettori olfattivi.
Ma un odore, una fragranza o profumo non sono costituiti da un’unica componente, bensì da molteplici molecole, che sono dapprima dissolte nella mucosa (passando così da una forma gassosa ad una forma liquida, più gradita alla biochimica), e quindi trasportati nel luogo dove incontrano uno dei recettori ad essi affine.
Ed è proprio per questa promiscuità di interazione tra odore e recettore (gli esseri umani hanno circa 400 tipi di recettori olfattivi, ciascuno con affinità minore o maggiore per una o più molecole olfattive), che il nostro naso in principio riesce a distinguere tra centinaia di migliaia di molecole.

La Scelta del Profumo: Un Viaggio Attraverso il Cervello Emotivo

Credits to:
https://www.gazzettadellemilia.it

Il legame tra le molecole olfattive e i recettori è “sentito” dal cervello grazie ad una reazione elettrica che viaggia attraverso il nervo olfattivo, e raggiunge una regione specifica del cervello che praticamente lavora come un centro smistamento prodotti di Amazon.
Qui il segnale viene decodificato, e trasmesso immediatamente ad altre regioni del cervello, come l’amigdala, che trasforma il segnale in emozioni, la corteccia frontale, che lo trasforma in immagini, e infine l’ippocampo, legato ai ricordi e, quindi alla memoria di essi.

L’interazione tra queste tre regioni è alla base di ciò che si chiama “memoria associativa”. Ovvero il cervello associa ad ogni odore un ricordo, per lo più dell’infanzia (ippocampo), che è stampato nel nostro cervello, anche se non lo sappiamo, lo trasforma in immagini nelle quali ci perdiamo ad occhi chiusi mentre avvertiamo l’odore di un profumo (corteccia cerebrale), venendone attratte (amigdala).
Questo processo è noto come “Sindrome di Proust“, dall’aneddoto letterario in cui Marcel Proust venne trasportato in un preciso momento della sua infanzia mentre mordeva una madeleine (biscotto di origine francese) inzuppata nel Thè Linden, e avviene quando un odore fa rivivere (razionalmente o irrazionalmente) una serie di ricordi legati alla propria infanzia.

Acqua di Bolgheri, i Profumi della Toscana

I cipressi che a Bólgheri alti e schietti
Van da San Guido in duplice filar,
Quasi in corsa giganti giovinetti
Mi balzarono incontro e mi guardâr.
Giosuè Carducci – Rime nuove (1906)
Libro V – Davanti san Guido

Immerso nel verde delle colline toscane, al termine di una mirabile strada costeggiata da cipressi, ed incastonato tra le colline della Maremma Livornese, sorge il piccolo borgo di Bolgheri, un tempo possedimento dei Conti della Gherardesca.
Divenuto famoso per i vini rossi prodotti in zona (tra cui il ben noto Sassicaia di Tenuta San Guido), questo caratteristico borgo è anche il principale luogo di ispirazione per la linea di profumi prodotta secondo i valori e la visione del Dr. Enio Taffi: Acqua di Bolgheri.
Le collezioni di questo “gioiello nascosto” della Toscana sono realizzate con ingredienti locali, in primis l’olio di oliva toscano, e ciascun prodotto è ispirato da fragranze e sensazioni ispirate dai paesaggi circostanti.
Connubio di sensazioni che si traducono nel motto di Acqua di Bolgheri:

Eleganza. Passione. Sensualità. Amore. Rispetto.

Scirocco: Note Arabe in Toscana

In un contesto paesaggistico del genere, e con una tale ricchezza di eccellenti materie prime, non poteva che nascere una linea di profumi dal forte potere evocativo.

Trasportati dal vento delle coste nord africane chiamato in arabo shurhùq, per prime giungono le note olfattive delle mandorle e del bergamotto rapite dalle coste della Sicilia e della Calabria.
Una seconda raffica di questo vento caldo lambisce le coste della toscana, agitando i bianchi petali del gelsomino e della magnolia, arricchendosi del loro profumo.
Ma questo è solo il preludio al finale dall’animo orientale dato dalle note di base dell’ambra, del legno di cedro e di sandalo, arricchite dalla fragranza di vaniglia.
Insieme, uniti in un abbraccio dolce e aromatico, le spezie orientali e i fiori della Toscana danno vita ad un profumo speciale e dallo spiccato sapore estivo: Scirocco.

Ed è stato proprio mentre odoravo questo mix di fragranze nella Boutique Acqua di Bolgheri a Bolgheri, che fui catapultata immediatamente indietro nel tempo, nei giorni in cui, insieme con i miei genitori viaggiavamo in quelle terre spettacolari ed incantate della Sicilia e della Calabria, accompagnati dal profumo delle pastiere preparate dalla mia mamma.
Questo Fenomeno di Proust del tutto personale mi catturò all’istante e mi tenne lì, ferma, ad occhi chiusi, sospesa nei miei ricordi.
Indossare Scirocco per me è come riportare alla vita quei ricordi nel mio cuore e nella mia mente.
Ecco perchè, semplicemente, lo amo.

Mapie


%d bloggers like this: