Tested on me: Fractional Laser CO2

As woman over 40 I have to admit: I started caring about my face appearance when I saw that the youth signs were almost gone, leaving space to the first wrinkles. And this was 3 years ago (almost 4, now), while I was living in Sweden, precisely Goteborg.
Talking with girls friends of me during my stay there, it seemed that Sweden was the place where all the Beauty Specialists were living and working. I know what you are thinking, I am used to quite some parochialism, but this time was different: it was actually true.

I decided to visit one of these Beauty Cliniques by myself, and I still remember that day. I entered the Laser Focus Clinique with some apprehension… at the end it was about my face, right?

I met the Clinique owner, directly, Abtin Moshiri. A super kind and professional man: he started asking me what I wanted to obtain from a treatment, what was my goal. I said: “I don’t want to look like someone that just eated two ping pong balls and keeps them hidden in the cheeks”.
He answered: “We don’t produce Barbies here”.
That was the exact moment I decided to litterally put my face in his hands.

The strategy used at Laser Focus Clinique is fair simple: “Train your skin to produce collagen“. And the word “train” is not used randomly here.
For those that are not familiar with biology basics, collagen is the most abundant protein present in the extracellular space. It is indeed, the main responsible of the skin tonicity, and it is unfortunately lost with aging.

So…. how to do to replace the collagen loss? The trick is simple: there is a biological process, in which collagen is produced under stimulation: scar formation. Hence the strategy is rapidly outlined: create micro wounds to the skin to promote collagen production and skin regeneration, hence filling wrinkles and skin imperfections.

There are different techniques that can do so, but the most effective and long lasting one (and, so far, the most expansive, it seems) is the Fractional Laser CO2, known also as Fraxel Laser.

Mapie: “Abtin, could you please explain what is Fractional CO2 Laser?”

Abtin: “Fractional CO2 Laser is an in-depth laser treatment against wrinkles, pigmentation, acne scars, uneven skin tones or ruptures. This treatment efficiently removes skin layers through a controlled, fractioned method. Skin columns are removed, with an intact skin layer below, which immediately promotes healing and reconstruction of new skin tissue.”

Mapie:“What are you using during the treatment?”

Abtin: “We use COOLIO’s cooling system that cools down your skin while receaving the treatment , to make it more comfortable. A soothing gel with growth and nutrition factors is then applied afterwords”

Mapie: “Who can take advantage from this treatment?

Abtin: “Whoever suffers from the following, on the face, neck or neckline:

  • Age spots
  • Sun spots
  • Fine lines
  • Wrinkles
  • Stressed skin
  • Scars
  • Uneven skin tone
  • Uneven skin texture
  • Tired, gray or matte skin “

Mapie: “Who cannot receive the treatment?”

Abtin: “If you are pregnant, treated with isotretinoin or roaccutane (cortisol), if you have a dark skin tone (hyperpigmentation may occur in the 30% of patients).”

Mapie: “How many treatments are needed?”

Abtin: “For most, only one treatment is required. In some cases (poor tolerance of high power rays, or too aggressive skin damage) we suggest from 2 to 4 treatments/year. Moreover, it should be considered a recovering time of 7-14 days. We also recommend to assume pain relief tablets before and after the treatment (in case of low pain tolerance)”

How does it work?

Let’s jump a bit in a biology course (more precisely, histology).
The skin is composed of different layers, that can be divided in three groups: epidermis (the outermost layer, which contains the epithelium); dermis (a mixture of connective tissue and glands); hypodermis, or subcutaneous tissue (that attaches the skin to underlying bone and muscle and supplies it with blood vessels and nerves).

how-a-fractional-co2-laser-works1

(1) A single laser shooting contains many light rays, each one warming a space smaller than a hair skin. The warming produces micro-wounds, and a temporary “hole” (invisible to  the human sight). This step is crucial for fostering the skin rejuvenation and regeneration.
(2) The holes are “repaired” by filling them with collagen produced by the surrounding cells (a process known as wound healing), and a production of a knot that will fall off in few days (depending on the strength of the treatment). The collagen produced in this phase is the responsible of the skin tonicity recover.

how-a-fractional-co2-laser-works2

(3) A second treatment run (possible only after 5-6 weeks from the first one) removes more layers (luckily at different sites from the first run), remodeling and tightening the upper skin layer. This diffused new produced collagen, plus the removal of the outermost layers is the way to attenuates (and in case of small ones, delete) wrinkles and imperfections, confering to the skin a new tone and tonicity.

(4) Each new treatment covers 20% of the skin surface. Depending on the depth of wrinkles, and on the severity of the imperfections, the number of threatments/year oscilates from 2 to 6. In my case, I had 2 treatments (the first “hard” one, the second “very light”) at a distance of 5 weeks.

Is it invasive or painful?

Short answer: yes and no.
The laser burns the skin, so, be prepared to the smell of burned meat. The other annoying aspect is the heating of the face. Luckily, at Laser Focus Clinique they use a tube connected to an air cooler pumping super cold air directly on the face, alleviating the burning sensation.
The first effect is the creation of micro-dots on the face of white color (it is the skin that is detached from the inner layers), which later on will turn in dark red, and then in brown.

During the treatment

 

Having said this, take in account that you will go around with a red face the first 1-2 days, and then you will look like tanned (the effect of the micro- scrubs).
Finally, but most important thing, do not expose your face to the direct sun, at least for two weeks, and even after that, use a full protection sunscreen.

The Results

That’s the more important thing, right? I know you were all looking for this 😉
Well, I don’t really have a good pic of my “before treatment face“, hence, I hope you’ll be satisfied with this one 🙂

11181934_861153853954755_7792525191858453626_o crop

You will note the deeeply impure skin, with red and darker spots. To not talk about the lack of tonicity, and first wrinkles around eyes, between eyebrows and around the lips.
This was my day 0, when all the treatments started, but believe me, before the fraxel it was a bit improved, but far from the result right after it!

Are you ready? Then enjoy this gallery from Day 1 of the treatment to 8 days after it 😉

Don’t panic for the face color at Day 1. It wasn’t painful at all, just dark red (that is why I always had this treatment before the weekend: this way, nobody will look at your face for the first 3 days!).
After that, the scrubs will start forming, and the face will have a darker color. Then the scrabs will fall, and underneath a beautiful smooth and light pink skin will appear. Do not attempt removing the scrubs with your nails (NEVER). After the 5th Day you can apply a cream on some cotton pad, and gently spread it on the face. Some scrubs will detach during the application. Absolutely do not rub the cotton pad on the face!

Day 1-4

Don’t be scared for the first pic, it was not hurting 🙂
Note how the scars become darker day by day. They are present on my neck and décolleté, too (I had a full treatment).

Day 5-6

Note how the scars fall from the skin and the color of the skin underneath 😉
It is truly pink and shiny! And the skin is soooo smooth ❤

Day 8-9

The scars are basically gone, and my new skin is gorgeous!
Psss… I am the one on the right! The beautiful creature on the left is my princess Kimba ❤

Day 9

Isn’t it an astonishing result?

And you? Never had a Fraxel treatment? Would you like to have one?
Write us in the comments what do you think, or join the 40nagers community on Facebook!

Cheers
Mapie

 

TESTATO SU DI ME: FRACTIONAL LASER CO2

18698319_1518854034851397_4943145003461897039_n

Come donna di oltre 40 anni, devo ammetterlo: ho iniziato a prendermi davvero cura del mio volto quando i segni della giovinezza sono iniziati a sparire, lasciando inesorabilmente il posto alle prime rughe. E questo succedeva circa 3 anni fa (quasi 4, al momento in cui vi scrivo), quando vivevo in Svezia, precisamente Goteborg.

Parlando con le mie amiche svedesi, sembrava che la Svezia fosse il Paese dove vivevano tutti i migliori specialisti di Chirurgia e Medicina Estetica. So cosa state pensando, che fosse niente di più che mero campanilismo, del quale un po’ tutti siamo affetti (provate a parlare di cibo con un italiano, se non lo siete 😀 ), ma questa volta era diverso: corrispondeva a verità.

Decisi quindi di visitare una di queste Cliniche Estetiche di persona, e ricordo ancora quel giorno come fosse oggi. Entrai nella Laser Focus Clinique non senza qualche timore… in fondo si trattava del mio, di viso, giusto?

Mi ricevette direttamente il proprietario e dirigente della Clinica, Abtin Moshiri, una persona gentilissima e professionale. Cominciò a chiedermi cosa volessi ottenere da un trattamento estetico, e quale fosse il mio obiettivo (e subito dopo passò all’analisi del mio viso tramite un macchinario che non sto qua a spiegarvi, almeno in questo articolo). Gli risposi: “Non voglio sembrare una che abbia appena mangiato due palline da ping pong nascondendole nelle guance“.
Lui mi rispose:”Non produciamo Barbie qui“.
Quello fu l’esatto momento in cui decisi di affidare letteralmente il mio viso alle sue mani.

 

La strategia usata alla Laser Focus Clinique è chiarissima: “Allenare la pelle a produrre collagene“. E la parola allenare non è usata a casaccio, credetemi.
Per quelli che non hanno familiarità con le basi di biologia cellulare, sappiate che il collagene è la proteina più abbondante presente nello spazio extracellulare (costituendo, di fatto, l’impalcatura che conferisce tonicità alla pelle), ed è sfortunatamente persa gradualmente con l’età.

Quindi… come rimpiazzare la perdita di collagene non ricorrendo a filler vari? Il trucco è molto semplice: c’è un processo biologico, del tutto naturale, in cui il collagene è prodotto se ne viene stimolata la produzione, ovvero con la formazione di ferite nella pelle. Pertanto, ciascuno dei macchinari a disposizione di Abtin hanno un obiettivo: creare micro-ferite nella pelle per stimolare la produzione di collagene e la rigenerazione cellulare, riempiendo così le rughe e cancellando (o attenuando, nei casi più gravi) le imperfezioni della pelle.

Ci sono differenti tecniche in grado di fare questo, e tutte largamente usate in una Clinica Estetica che si rispetti (e Laser Focus Clinique le usa tutte). Ma la più efficiente e duratura (e fino ad ora sembra anche la meno economica) è il Fractional Laser CO2, conosciuta anche come Fraxel Laser.

Mapie: “Abtin, potresti per favore spiegare cosa è il Fractional CO2 Laser?”

Abtin: ” Il Fractional Co2 Laser è un laser che opera in profondità contro le rughe e altre imperfezioni della pelle, come macchie solari, cicatrici da acne, macchie dovute all’età, o cicatrici causate da ferite. Questo trattamento rimuove strati di cellule in maniera controllata e frazionata. E questo promuove immediatamente la riparazione e la ricostruzione di nuovo tessuto cutaneo.”

Mapie: “Cosa viene usato durante il trattamento, oltre al laser?”

Abtin: “Noi usiamo un sistema raffreddante (COOLIO) che appunto abbassa la temperatura della pelle mentre si riceve il trattamento, per alleviare il senso di bruciore. Quindi viene steso un gel lenitivo che contiene fattori di nutrizione e crescita cellulare a fine trattamento”

Mapie: “Chi può usufruire di questo trattamento, e per cosa è indicato?”

Abtin: “Chiunque soffra di uno dei seguenti inestetismi, sul volto, collo o décolleté:

  • Macchie dovute all’età
  • Macchie solari
  • Rughe di espressione
  • Rughe più profonde
  • Cicatrici
  • Problemi di colorazione della pelle
  • Problemi nella tessitura della cute
  • Mancanza di tonicità, pelle ingrigita o opaca”

Mapie: “In quali casi non si può usufruire di tale trattamento?”

Abtin“In caso di gravidanza, trattamenti con isotretinoina o roaccutane (cortisoni), pelle iperpigmentata”

Mapie: “Quanti trattamenti sono consigliati?”

Abtin: “Nella maggior parte dei casi, uno a potenza alta. In alcuni casi (poca tolleranza ai raggi ad alta potenza, oppure pelle ipersensibile al danno), suggerisco da 2 a 4 trattamenti all’anno. Inoltre bisogna considerare un periodo di recupero tra un trattamento e l’altro di 7-14 giorni. Raccomandiamo anche di assumere degli antidolorifici prima e dopo il trattamento, in caso di bassa tolleranza al dolore.”

Come funziona? 

Facciamo un salto indietro, torniamo tra i banchi dell’Università, e più precisamente ad un corso di Biologia (Istologia).
La pelle è composta da diversi strati, che possono essere divisi in tre gruppi: epidermide (lo strato più esterno, che contiene l’epitelio); il derma (un mix di tessuto connettivo e ghiandole); l’ipoderma, o tessuto sottocutaneo (che unisce la pelle alle ossa, al tessuto muscolare sottostante e irrora la pelle con vasi sanguigni e nervi).

how-a-fractional-co2-laser-works1

(1) Un singolo colpo di laser contiene molteplici raggi, e ciascuno colpisce uno spazio più piccolo di un pelo. Il riscaldamento dovuto al laser rimuove strati di cellule in profondità, causando micro-ferite ed un “buco” temporaneo (invisibile alla vista umana). Questo step è cruciale per forzare la rigenerazione cellulare e il conseguente ringiovanimento.
(2) I buchi sono “riparati” dal riempimento di collagene prodotto dalle cellule vicine alla ferita (un processo biologico noto appunto come “riparazione delle ferite“), e la produzione di una crosta che cadrà in pochi giorni (a seconda della potenza del trattamento). Il collagene prodotto in questa fase è il principale responsabile del recupero della tonicità della cute.

how-a-fractional-co2-laser-works2

(3) Un secondo ciclo di trattamento (possibile solo dopo 5-6 settimane dal primo) rimuove altri strati (con ogni probabilità in siti diversi da quelli colpiti nel primo trattamento), rimodellando e inspessendo gli strati di pelle esterni. Questo collagene prodotto una seconda volta, unitamente alla rimozione degli strati esterni della cute, è il responsabile dell’riduzione della profondità delle rughe, e, nel caso di rughe superficiali, della rimozione delle stesse.

(4) Ciascun nuovo trattamento ricopre il 20% della superficie della pelle del viso. A seconda della profondità delle rughe, e della gravità delle imperfezioni, il numero di trattamenti all’anno oscilla da 2 a 6. Nel mio caso ho ricevuto due trattementi (il primo ad alta potenza, il secondo a bassa potenza del laser), con una fase di recupero tra di essi di 5 settimane (ed un peeling profondo dopo 14 giorni dal primo trattamento).

E’ un trattamento invasivo o doloroso?

Risposta secca: Si e No.
Il laser brucia la pelle, per questo, preparatevi all’odore di carne bruciata. L’altro aspetto fastidioso è il senso di bruciore sulla pelle (lieve, in ogni caso). Sicuramente provvidenziale l’utilizzo di un sistema di raffreddamento diretto sul viso, che attenua il senso di bruciore.
Il primo effetto visibile del trattamento è la creazione di puntini bianchi sul viso (segno di pelle staccata dagli strati inferiori), che in seguito diventerà di colore rosso scuro, e infine marrone.

Durante il trattamento

Una volta fatto il trattamento, considera che andrai in giro con un viso arrossato per i primi 2 giorni, dopo di che sembrerai abbronzata (effetto delle mini croste).
Infine, ma di sicuro un punto importantissimo, non esporre il viso alla luce diretta del sole, almeno per le prime due settimane, e anche dopo questo periodo, usa una crema solare a protezione totale.
Per questi motivi, il periodo suggerito per ricevere questo tipo di trattamento è di sicuro da Ottobre ad Aprile.

I Risultati

Che poi sono la parte più importante, giusto? Ciò che ognuna di noi vuole sapere. Il trattamento funziona? Si ottengono risultati?
11181934_861153853954755_7792525191858453626_o crop

Per determinare ciò devo mostrarvi una foto, quella del “viso pre-trattamento“. Devo ammettere che non ne ho una decente, dove si notino bene tutte le imperfezioni della mia pelle prima che iniziassi il ciclo di trattamenti alla LFC (mi guardavo bene dal farle). Ma questa qui a fianco potrebbe andare bene. Penso si noti la pelle impura, con macchie rosse e macchie più scure. Per non parlare della mancanza di tonicità, e delle prime rughe intorno agli occhi, e tra le sopracciglia e contorno labbra.
Questa è una foto risalente al mio Day 0, quando iniziai tutti i trattamenti, ma credetemi, prima del Fraxel era un po’ migliorata, ma molto lontani dal risultato ottenuto subito dopo.

Bene, siete pronte? Allora gustatevi questa galleria di foto dal Day 1 del trattamento al Day 9, ma prima un po’ di considerazioni generali 😉

Impressioni generali e consigli

Non impressionatevi per il colore del viso al Day 1. Non sentivo dolore, era solamente di un colore rosso scuro. Ed è questo il motivo per cui consiglio questo trattamento prima del weekend: in questo modo non vi vedrà nessuno per i primi 3 giorni, i peggiori.
Già dal terzo giorno inizierete a notare la formazione di crosticine, e il viso assumerà un colore più scuro, come se foste abbronzate. Dal 4 giorno potete usare un fondotinta liquido per uniformare il colore. Non sfregatevi il viso, né rimuovete le crosticine con le unghie (MAI). Lasciate che il processo biologico naturale faccia il suo corso. Le crosticine inizieranno a cadere, e noterete al di sotto una pelle liscia e rosa. Dopo il quinto giorno, applicate una crema detergente su di un batuffolo di cotone che usate per struccarvi e spalmatela sul viso, gentilmente. Questo aiuterà altre crosticine a staccarsi. Non sfregate il batuffolo di cotone sul viso.

Day 1-4

Non abbiate paura per la prima foto, sembra un’ustione, ma non lo è (o, almeno, non sentivo alcun dolore).
Notate come dal Day 3 (seconda foto) iniziano a formarsi le crosticine, che poi man mano ricopriranno tutto il viso, mentre altre iniziano a cadere, dando così un’apparenza a macchie.

Day 5-6

Le crosticine iniziano a cadere e la pelle assume un colorito rosa e diventa luminosissima. Le rughe più sottili praticamente spariscono. E la pelle è liscissima ❤

Day 8-9

Le crosticine sono praticamente sparite, e la mia “nuova” pelle è fantastica!
Psss… io sono quella a destra! La cucciola meravigliosa a sinistra è Kimba, la mia principessa ❤

Day 9

Non trovate sia un risultato notevole?

E voi? Avete mai provato il Fraxel?
Scriveteci nei commenti cosa ne pensate, e unitevi alla Community di 40nagers su Facebook!

Baci
Mapie

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s