Carolina Sellitto: one life, three books, 100 reasons to follow her

Some time ago (around Easter time), I was back to my hometown, and thought it would have been fun to meet a friend of my old times, when I was doing my PhD in Animal Biology (yes, I am a scientist).

Images and events bound to those years appeared in my mind, and it was just in this way our interview began. Drinking espresso in a shopping mall surrounded by dozens of chatting people:

Me: Carolina, in my opinion you are like a phoenix that rises again and again from ashes. You do it with your job, with your private life. You do reinvent yourself, continuously. To me you are like the mage that always pulls the right card out of the hat. Under the surprised eyes of the kids. How do you do that? What is your secret?

Carolina: It is entirely due to my passion for reading books during my first 20 years of life, novels above all. This is why everybody should read books in the first years of their life: to learn. Books will shape you, and your life experience. They taught to me one big lesson: what happens to you can happen to everybody. We are not the only ones to have disgraces in our life, in example. In this way, if you don’t look at one defined moment in life, but to its entirety, everybody has the same opportunities. As a such you should be prepared to changes, cause these can always happen. It can be a good change or a bad change, but: there will be one. We don’t know the future. And because of this, bad things can always evolve in good things. I personally think that adversities can always change in opportunities.

19389467_10213390639019932_117462604_n

Me: This is quite a non-deterministic view of life, right? Why did you adopt this philosophy?

Carolina: I just get caught up, that’s all. Moreover, there is a second thing, which comes from my scientific education. Science thought me that from the data we have to come to a deduction, through their interpretation. And I had very good teachers in this, like the Prof. Gaetano Salvatore and Prof. Roberto di Lauro (ndr: at University of Naples, Italy).

Me: It is quite an unusual mix that lives in you, then: on one side the rationality of the deductive process. On the other side we find a woman that constantly lives in the parallel magic world of novels. Do they meet somewhere?

Carolina: Sure. They meet in the common feeling of passion, a feeling that I did describe in my last novel: Sul Nascere.

19244168_10213390639859953_2078948377_n

Me: Well, let’s not rush directly to the end of this interview [both chuckle]… I would like to keep bit of suspence, and start from the beginning. You did a PhD in the Lab of a prominent italian scientist: Gaetano Salvatore.

Carolina: Yes, and I had it even though he didn’t know me at that time. But it is a good example of what I think everybody should do: if you aim at something, go for it. Make it happen. I was having a master in Microbiology, at that time, and there was this contest for a PhD Fellowship in Cellular and Molecular Biology. I didn’t know almost anything about that topic, but there was one thing that convinced me to try: they would have paid me to do research (one and half million of the old lira) [she laughs]. So… I studied for months the argument going from Library to Library. The day of the examination came, and at that time there were two tests: one written, and the second was an interview.

Me: And of course the written test went well… you can make something looking interesting even though it is not!

Carolina: Ahahah! Yes, it went super well: the Prof. Salvatore was fascinated by my written test.  He wanted to interview me in person at all costs. And I passed.

Me: When exactly did you start to become a novel writer?

Carolina: I think I have always been a novel writer inside, and I knew it since the first book I read, A History of Western Philosophy, by Bertrand Russel. I was, and still I am, a book-eater. I remember myself reading in the toilet. I was sharing my bedroom, and the toilet was the only place I could go reading during the night without disturbing anybody. I read my first novel, The Stranger, by Albert Camus when I was twelve. And from that time I never stopped: Camus, Kafka, Moravia, Bevilacqua. I ate them all!

18301145_10154901356014681_1471817897579330188_n

Me: And no Crime Novels?

Carolina: I didn’t like them so much. I was reading Gialli Mondadori books (ndr: it is an Italian series of mystery/crime novels published by Arnoldo Mondadori Editore since 1929) while commuting from home to the University [she smiles].

Me: So, how came that you wrote a crime novel book as Manipolazioni?

Carolina: Manipolazioni is a book that should be read by my scientist friends (lot of them are on Facebook as well): they would acknowledge the description of a system that is very famous nowadays in the Molecular Labs around the world (ndr: CRISPR/Cas9, a bacterial system now used worldwide to introduce mutations in the genome). I described that phenomenon long time ago, in my book. It received quite some interest for a film adaptation that unfortunately never happened. So I would like to call now for a crowdfunding operation by all scientists: let’s make this happen, let’s give to Manipolazioni the chance to become a movie. You will not regret it! But first: read the book!

Me: And I take this call and will relaunch it from the blog (see, Carolina? I did it!). So, how has the idea of Manipolazioni born? Did the working environment where you lived at that time influence you?

Carolina: Can I say these are the best questions I had in an interview? (Me: you just did, Carolina, thank you!). I wrote Manipolazioni while working in the Lab of Prof. Riccardo Cortese that unfortunately left us two months ago. The whole book takes place in the IRBM Institute, of which Cortese was the founder and the Scientific Director. The main character, Stella B is how I always wanted to be, but that I never managed to be: cold and distant. Manipolazioni has born from my need to tell something about myself to the world, and science helped me to do that, rationalizing my feelings.

19369878_10213390639139935_9818220_n

Me: But you are exactly the opposite, being so passionate in everything you do!

Carolina: Someone would call it “pazzaria” (ndr: napolitan dialect, it means: acting like a crazy person)

Me: Well, I would say that you have quite some nerve, instead! you are a volcano of feelings… You started reading, then studying biology, working with one of the greatest scientists, being a guest of a famous italian TV show (Maurizio Costanzo Show), and then you disappeared. Till I found you again, married for the second time, embryologist at the Marcianise hospital, politically engaged, and with a new book: “Sul Nascere”. From where the idea of this book come?

Carolina: yes, it has been quite a journey, if I think about… I live now in this small town, where happened that the Mayor’s ideals and mine coincide, (ndr: the Marcianise Mayor is Antonello Velardi). Therefore it is easy for me to support him. “Sul Nascere” is a play that went already on stage at the Sancarluccio Theater in Naples, and has been published by C1V-Edizioni with Cinzia Tocci as Editor in Chief. It has been a success. Everybody was expecting to listen to a story of babies and their parents. And they were surprised, deeply moved, and in tears at the last lines of the play. This book  is a metaphor of my life. It is me finally doing what I like the most: writing, telling everybody what I feel. It is me saying: “It is not over, yet.

19398186_10213390743102534_998764805_n

Mapie

40nagers incontra Carolina Sellitto: una vita, 3 libri, 100 motivi per innamorarsene

16388450_10211971919163173_8079481743606494866_n

Un po’ di mesi fa (era Pasqua) ero di ritorno nella mia cittá natia, e pensai che sarebbe stata una bella idea incontrare un’ex-collega dei miei trascorsi scientifici, quando ero dottoranda presso la Stazione Zoologica di Napoli.

Pensai cosí di contattare Carolina Sellitto: scienziata, scrittrice e ora conduttrice di un programma Facebook chiamato Oxygen, che sta riscuotendo un discreto successo. E’ stato come essere investita da una miriade di flashbacks. Avvenimenti e immagini del passato hanno ripopolato la mia mente, ed é stato in questo modo, del tutto naturale che la nostra intervista é iniziata: bevendo caffé in un centro commerciale, circondate dal vocio di decine di persone.

Mapie: Carolina, tu sei come una fenice che risorge continuamente dalle sue ceneri. Cosí nel lavoro e nella tua vita privata. Ti reinventi continuamente. Sei come un mago che caccia sempre la carta giusta dal mazzo, davanti agli sguardi sorpresi dei ragazzini. Come fai a fare questo? Qual e’ il tuo segreto?

Carolina: E’ tutto dovuto alla mia grande passione che mi ha preso totalmente per i primi 20 anni della mia vita: la lettura. E per questo penso che tutti noi dovremmo leggere e educare i nostri bambini a leggere durante i primi anni della loro vita: per imparare. I libri ti formano. Formano te e le tue esperienze di vita. Mi hanno insegnato una grande lezione: quello che accade ad una persona puó accadere ad ognuno di noi. Non siamo gli unici ad avere disavventure nella nostra vita, per esempio. Per questo, se non si guarda ad un preciso momento della vita di una persona, ma alla sua interezza, ognuno di noi ha le stesse opportunitá. Ognuno di noi ha momenti felici e momenti meno felici. Per questo bisogna essere sempre preparati ad uno degli insegnamenti della vita stessa: essa cambia. E come la vita puó cambiare da un momento all’altro, anche tu puoi e devi essere preparato. Puó essere un buon cambiamento, oppure no, ma di una cosa sono sicura: ce ne sará sempre uno. Non conosciamo il futuro. E per questo, i momenti infelici possono sempre evolvere in momenti felici (ndr: che poi é l’antico detto: c’e’ sempre la luce in fondo al tunnel). Personalmente penso che le avversitá della vita possono sempre cambiare in opportunitá, e che bisogna perció essere pronti a prenderle al volo.

19389467_10213390639019932_117462604_n

Mapie: Beh, questa é una visione della vita non-determinista, giusto? Per quale motivo hai adottato questa filosofia di vita?

Carolina: Mi ci sono trovata. Ma c’e’ anche un’altra cosa, che proviene dalla mia educazione scientifica. La scienza mi ha insegnato che dai dati in nostro possesso dobbiamo giungere ad una deduzione, attraverso la loro interpretazione. E ho avuto la fortuna di avere degli ottimi insegnanti in questo, come il Prof. Gaetano Salvatore e il Prof. Roberto di Lauro (ndr: tra l’altro ultimo ospite di Oxygen).

Mapie: Quindi in te stessa convivono un bel mix di sentimenti: da un lato la razionalitá del processo deduttivo. Dall’altro lato una donna che vive costantemente nel magico mondo dei racconti, dei libri. Si incontrano da qualche parte?

Carolina: Sicuramente. Si incontrano nel sentimento comune della passione, sentimento che descrivo nel mio ultimo lavoro: Sul Nascere.

19244168_10213390639859953_2078948377_n

Mapie: Non saltiamo immediatamente alla fine di questa intervista [ridiamo entrambe]… Vorrei mantenere un po’ di suspence, sai, e cominciare dall’inizio. Tu sei stata Dottoranda nel laboratorio di un importante scienziato italiano: Gaetano Salvatore.

Carolina: Si, e non mi conosceva affatto a quei tempi. Ma quello che mi accadde é un ottimo esempio di ció che ognuno di noi dovrebbe fare: se vuoi qualcosa, devi fare di tutto per ottenerla (lecitamente, ovvio). Fa’ che accada. A quei tempi frequentavo il Master in Microbiologia, e venni a conoscenza di un concorso per una Borsa di Studio in Biologia Molecolare e Cellulare. Non conoscevo quasi nulla di quell’argomento, ma c’era un ottimo motivo (ottimo per me a quei tempi) che mi convinse a tentare il concorso: mi avrebbero pagata per fare ricerca (un milione e mezzo delle vecchie lire) [ride]. Perció… Studiai per mesi l’argomento di biblioteca in biblioteca. Il giorno dell’esame arrivó, e a quel tempo c’erano due esami da passare: uno scritto e l’altro orale.

Mapie: E ovviamente lo scritto andó bene… tu sei rendere interessante anche un argomento che potrebbe essere per nulla interessante, catturando l’attenzione del lettore!

Carolina: [ride] Si, andó benissimo. Talmente bene che il Prof. Salvatore ne rimase affascinato e volle intervistarmi personalmente per l’esame orale. E passai anche quello.

Mapie: Quando hai capito che volevi diventare una scrittrice di romanzi?

Carolina: Penso di esserlo sempre stata, fin da quando lessi il mio primo libro, Storia della filosofia occidentale, di Bertrand Russel. A quei tempi ero, e lo sono tuttora, una divoratrice di libri. Mi ricordo quando la notte mi chiudevo in bagno per leggere. Era l’unico posto dove potevo leggere durante le ore notturne senza dare fastidio alla persona con cui dividevo la stanza. Lessi il mio primo romanzo, Lo Straniero di Albert Camus quando avevo dodici anni. E da allora non mi sono mai fermata: Camus, Kafka, Moravia, Bevilacqua. Li ho divorati tutti!

18301145_10154901356014681_1471817897579330188_n

Mapie: E nessun autore di romanzi gialli?

Carolina: Non mi piacevano molto. Leggevo i Gialli Mondadori in tram, mentre andavo da casa all’Universitá [sorride].

Mapie: Quindi, come é possibile che tu abbia scritto poi un romanzo giallo come Manipolazioni?

Carolina: Manipolazioni é un libro che dovrebbe essere letto da tutti i miei amici scienziati (e un bel po’ di loro frequentano anche Facebook): riconoscerebbero la descrizione di un sistema di modificazione genetica che in questi anni sta acquistando sempre piú popolaritá nei laboratori di ricerca di tutto il mondo (ndr: parla di CRISPR/Cas9, un sistema batterico utilizzato per introdurre mutazioni nel genoma). Descrissi questo fenomeno tempo fa, in Manipolazioni, appunto. E a quel tempo ci fu anche un bel po’ di interesse per un adattamento cinematografico che sfortunatamente non vide mai la luce. Per cui, Mapie, permettimi di fare un appello per un’operazione di crowfunding a tutti gli scienziati che conosco: facciamo in modo che accada, diamo a Manipolazioni la possibilitá di diventare un film. Non ve ne pentirete! Ma prima di tutto: leggete il libro!

Mapie: E io accolgo la richiesta e la rilanceró in questa intervista attraverso il blog (vedi Carolina? l’ho appena fatto!). Quindi, come nacque l’idea di Manipolazioni? Quanto ti influenzó l’ambiente nel quale lavoravi?

Carolina: Posso dire che queste sono le migliori domande io abbia mai avuto in un’intervista? (Mapie: lo hai appena fatto, grazie!). Scrissi Manipolazioni mentre lavoravo nel Laboratorio del Prof. Riccardo Cortese, che ci ha purtroppo lasciato due mesi fa. Tutto il libro si svolge nell’Istituto IRBM, di cui Cortese fu il fondatore e il Direttore Scientifico. La protagonista, Stella B, era come io avrei sempre voluto essere, ma non ci riuscí mai: fredda e distante. Il romanzo nacque dal mio bisogno di esternalizzare i miei sentimenti. Ed anche in questo fui aiutata dalla scienza: riuscí a razionalizzarli tanto da poterli mettere nero su bianco, sotto forma di romanzo.

19369878_10213390639139935_9818220_n

Mapie: Ma tu sei esattamente l’opposto, sei cosí passionale in ogni cosa che fai!

Carolina: Qualcuno la chiamerebbe piuttosto “pazzaria” [ride].

 

Mapie: Beh, io invece direi che tu hai una bella dose di faccia tosta, quando serve! Sei un vulcano di sentimenti… Hai iniziato leggendo, sei passata da romanzi a libri di biologia, hai lavorato con alcuni dei piú grandi scienziati del panorama italiano, sei stata ospite del Maurizio Costanzo Show, e poi… puff, sei sparita per un po’ di tempo. Infine, ti ho trovata di nuovo, sposata per la seconda volta, embriologa all’Ospedale di Marcianise, impegnata politicamente, conduttrice di un programma scientifico su Facebook, e infine con un nuovo libro. Non so dove tu abbia trovato la forza e il tempo per tutto questo, ma raccontami di questo ultimo libro, “Sul Nascere“.

Carolina: Si, é vero, ci sono stati un po’ di cambiamenti nella mia vita (ricordi ció che ti dicevo all’inizio sui cambiamenti?)… Ora vivo in una piccola cittadina, il cui Sindaco, Antonello Velardi ha a cuore degli ideali che coincidono con i miei. Da questo deriva il mio impegno socio-politico e il mio appoggio al suo operato. “Sul Nascere” é un testo teatrale, che é giá andato in scena al Teatro Sancarluccio a Napoli, ed é stato pubblicato da C1V-Edizioni, di cui Cinzia Tocci é Editore. E’ stato un successo. Tutti gli spettatori si aspettavano di assistere ad una storia di bambini e dei loro genitori. E sono rimasti sorpresi, profondamente commossi e in lacrime alle ultime battute dello spettacolo. Questo libro é una metafora, la metafora della mia vita. Sono io che finalmente faccio ció che mi appassiona di piú: scrivere, comunicare i miei sentimenti. Sono io che dico:”Non é finita. Non ancora“.

19398186_10213390743102534_998764805_n

Mapie

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s